di Barbara Righini
online dal 2005

Antirughe

dove piccoli grandi cosmetici fai da te prendono forma!

Moderatori: Letizia, Vera, Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina

Antirughe

Messaggioda canghita » domenica 08 giugno, 2008 22:54

Antirughe lenitivo

Rientro dalle ferie e formulo questa crema antirughe pensando alla mia pelle mista e sensibile:

Fase A

infuso thè verde e gelsomino 43 gr
aloe 1:1 30 gr
gomma xantano 2gr
glicerina 3 gr

Fase B

olio di noccioli di albicocca 1 gr
olio di borragine 1 gr
burro di karitè 0,5 gr
squalane 1 gr
pantenolo 1gr
bisabololo 1gr
montanov 68 2 gr
alcol cetilico 2 gr

Fase C (a freddo)

tocoferolo 2 gr
oleolito di calendula 1 gr
allantoina 0,5 gr
estratto idroalcolico di liquirizia
estratto fluido di rusco
estratto fluido di fucus vesiculosis
acido jaluronico 0,25 gr
oleoresina di vaniglia 0,05 gr
o.e. di rosa assoluta del Marocco 4 gtt

conservanti bio 0,5 gr in tutto

Ho trovato difficoltà nel diluire bene l'allantoina (mi ha fatto piccoli pallini bianchi) e l'acido jaluronico. Era meglio se li stemperavo a freddo in glicerina?
Ci sono inoltre dei minuscoli e sparuti pallini neri...residui di oleoresina di vaniglia? Era meglio se l'aggiungevo nella dase B a caldo?

Il ph é circa 6.

Il colore e la consistenza ricordano una...crema (presente i tuorli montati con lo zucchero?), appena si stende sulla pelle sembra unta poi fa come delle scie bianche e poi, dopo essere stata assorbita in poco tempo, fa un leggero effetto tensore lucido. Troppo cetilico forse?

Io per ora sono contenta ma la vorrei un tantino più compatta e più scorrevole. Aggiungo gomma xantano? Metto invece idrossietilcellulosa?
Aggiungo un pò di glicerina?
Ultima modifica di canghita il martedì 10 giugno, 2008 15:40, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
canghita
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre, 2007 18:15

Messaggioda Patrizia » lunedì 09 giugno, 2008 12:07

Non sono un'esperta, ma qualcosa da dire ce l'avrei... magari qualche esperta arriverà e mi spadellerà (ma speriamo di no!) :D

Per l'allantoina è normale che si faccia fatica a scioglierla, io ho imparato a scioglierla a parte in un po' di crema che poi riaggiungo.
Per lo Jaluronico io ho creato una soluzione in acqua (98 gr d'acqua e 1 di Jal e ti viene fuori un gel) e la ricetta l'avevo trovata sul forum di Lola, ma non ricordo esattamente dove :oops: cmq è più comodo perché non devi pesare all' 0,25 ma al 2% (in base a quanta vuoi metterne insomma) e non devi sciogliere ogni volta.

Poi 2 gr di xanthana mi sembrano tantini... di solito si usa allo 0,5, forse l'effetto tensore lucido è dato da questa.

L'olio di borragine meglio in fase C perché è termosensibile.

I conservanti bio sono potassio sorbato e sodio benzoato, vero? Meglio allora se abbassi il ph a 5/5.5. (Anche se circa 6... vuol dire che tendeva al 5? :P)

Per il resto lascio alle esperte... ehehehe :)
Don't Stop Me Now!

Il mio blog
Avatar utente
Patrizia
 
Messaggi: 1870
Iscritto il: martedì 06 novembre, 2007 21:59
Località: Prov. di Venezia

Messaggioda canghita » lunedì 09 giugno, 2008 12:40

Ok Patrizia, grazie per le dritte...
Dunque, quella dello jaluronico mi era proprio sfuggita..
Con l'allantoina avevo proprio fatto così..ma si vede non abbastanza..
Per l'olio di borragine...non sapevo fosse termosensibile.. :oops:
La xantana...eh...lo so che va messa allo 0,5% ma la mia non so perchè non addensa una cippa lippa (figurati che per sbaglio nel mio primo detergente l'ho messa al 5% e m'é venuto un pò denso :roll: )..però era meglio precisarlo, hai ragione...
Il ph sì tendeva al cinque..ho delle cartine tornasole un pò approssimative però posso sempre provare a mettere un pò di acido lattico o citrico in una parte di crema e vedere se tende più al cinque.
Stamattina l'ho provata di nuovo, dovevo rimanere in casa, ne basta pochissima, m'ha fatto la scia bianca ma poi si é assorbita benissimo ed é rimasto il leggero effeto tensore.
Ah, volevo anche dire che é meglio usarla la sera poichè l'oleoresina di vaniglia é fotosensibilizzante ed inoltre a qualcuno può dare reazioni allergiche (fonte Aromazone).
Avatar utente
canghita
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre, 2007 18:15

Messaggioda Patrizia » lunedì 09 giugno, 2008 13:26

canghita ha scritto:Con l'allantoina avevo proprio fatto così..ma si vede non abbastanza..

In effetti, ci vuole pazienza lo stesso... :)

La scia bianca è il cetilico, io volevo provare il cetyl palmitate per la consistenza (di derivazione animale) e di conseguenza meno cetilico. Devo fare un po' di esperienza però...
Don't Stop Me Now!

Il mio blog
Avatar utente
Patrizia
 
Messaggi: 1870
Iscritto il: martedì 06 novembre, 2007 21:59
Località: Prov. di Venezia

Messaggioda azahar751 » lunedì 09 giugno, 2008 16:51

L'allantoina avevamo poi scoperto NON essere termosensibile, quindi può essere messa in FASE B con olii e burri e sciolta a bagnomaria tranquillamente, io faccio così e non lascia granuli :) .
Invece olio di borragine, squalane , pantenolo e bisabololo mi sembra vadano messi a freddo.
L'o.e. di vaniglia in effetti può lasciare tracce...io ho risolto con una bella frullata di Minipimer!
Per il resto non so aiutarti, comunque COMPLIMENTI per la ricetta :D
Francesca
Avatar utente
azahar751
BioUntrice
 
Messaggi: 5624
Iscritto il: mercoledì 26 settembre, 2007 10:43
Località: Trento

Messaggioda Lola » lunedì 09 giugno, 2008 17:31

Azahar, l'allantoina é termosensibile. Meglio aggiungerla a freddo. Per il resto quoto Patrizia al 200%, brava! :)
Lola
Avatar utente
Lola
ReginaDegliSpignattatori
 
Messaggi: 890
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:06

Messaggioda azahar751 » lunedì 09 giugno, 2008 21:08

Lola, non vorrei mai contraddirti :oops: , ma Vittorio Urbani aveva detto che si poteva tranquillamente scaldare a bagnomaria l'allantoina, fino a scioglimento...possibile due pareri così diversi?
Francesca
Avatar utente
azahar751
BioUntrice
 
Messaggi: 5624
Iscritto il: mercoledì 26 settembre, 2007 10:43
Località: Trento

Messaggioda Lola » lunedì 09 giugno, 2008 22:51

una prima ricerchina veloce mi ha dato questo risultato, ma cercherò meglio e ti faccio sapere.
Lola
Avatar utente
Lola
ReginaDegliSpignattatori
 
Messaggi: 890
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:06

Messaggioda canghita » lunedì 09 giugno, 2008 23:08

Per Azahar: grazie per i complimenti.
Sì, ho usato il minipimer ma quei piccolissimi puntini neri sono rimasti...poco male, almeno so cosa sono :P
L'allantoina é rimasto un bel dilemma...ho pensato che magari a freddo "soffriva" meno invece ho sofferto io provare a scioglierla.
Attendo curiosa notizie su cosa é meglio fare...

Per Patrizia: il cetyl palmitate? Ma le sai tutte?

Per Lola: mi sa che devo venire nel tuo forum più spesso, mi perdo tante informazioni e faccio la figura del :roll: purtroppo giocano a mio sfavore il poco tempo a disposizione e l'imbranataggine in internet. Però la voglia e la passione di spignattare è tanta :D
Avatar utente
canghita
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre, 2007 18:15

Messaggioda Lola » martedì 10 giugno, 2008 07:13

Canghita: io ci sono anche qui, eh! ;-)

Azahar: è bello parlare degli ingredienti, il che mi costringe a cercare ed imparare sempre di più.

Dunque questo ho trovato sull'allantoina: due siti che insegnano a prodursi i cosmetici da sè consigliano di aggiungerla sotto i 40°, io stessa l'unica volta che l'avevo aggiunta a caldo, dopo aver emulsionato, mi sono trovata improvvisa separazione del tutto con formazione di un nastro plasticoso bianco, al che ho detto "mai più".

Proserpio in "cosmesi funzionale" dice: "l'allantoina può esistere sia in forma destro che levogira. Entrambe le forme sono comunque facilmente racemizzate quando le soluzioni acquose vengono riscaldate. E' stato accertato che nelle piante e nei tessuti animali è presente la forma destrogira; è probabile che quando si verifica la racemizzazione, solo la forma destrogira (cioè la metà dell'allantoina) sia attiva e può essere che la forma levogira nella miscela agisca da inibitrice di attività". Al che io avevo dedotto che è meglio non scaldare.

Ho trovato però produttori che la dichiarano stabile ai prolungati riscaldamenti ad 80°, e alcune formule in cui veniva messa in fase acquosa e poi scaldata ad 80° assieme al resto, sia per fare l'emulsione che per sciogliere questa sostanza.

Completando le informazioni su questo ingrediente, è solubile allo 0.2% in acqua fredda, fino allo 0.5% in acqua calda, poco solubile in alcool e altri solventi, per niente solubile nei grassi. Io per introdurla nei preparati la stempero in poca soluzione di sodio ialuronato (richiede un paio di minuti di lavoro, in ciotolina a parte, poi si versa nella preparazione) oppure se la ricetta non ne prevede in poca crema (tipo mezzo cucchiaino, meno ce n'è più facile si lavora).
Assolutamente non va introdotta in preparazioni basiche, si degrada in composti pericolosi.
Lola
Avatar utente
Lola
ReginaDegliSpignattatori
 
Messaggi: 890
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:06

Messaggioda canghita » martedì 10 giugno, 2008 15:37

Per Lola: Grazie per le infos.
Però 'sta allantoina un pò rognosetta, mai più assieme agli estratti ed agli oli :x
Quante cose devo ancora imparare!
Avatar utente
canghita
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre, 2007 18:15

Messaggioda canghita » venerdì 13 giugno, 2008 16:46

Io mi sento di aggiornare...
la mia "creatura" si é solidificata ed ha una consistenza più "spumosa", si stende senza lasciare più la scia bianca...
Io in verità non ci ho aggiunto niente, l'ho solo conservata al buio, che cosa é successo? E' normale? Posso fidarmi a regalarla?
Avatar utente
canghita
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre, 2007 18:15

Messaggioda Patrizia » venerdì 13 giugno, 2008 17:07

Ho letto che a volta può capitare che la crema si addensi (o si "afflosci" :P) dopo qualche giorno... direi che è normale! ;)
Don't Stop Me Now!

Il mio blog
Avatar utente
Patrizia
 
Messaggi: 1870
Iscritto il: martedì 06 novembre, 2007 21:59
Località: Prov. di Venezia

Messaggioda canghita » sabato 14 giugno, 2008 00:01

Ok, mi tranquillizzo.
Mi era già successo con una cold cream (si era ammorbidita)..le colleghe al lavoro ne vanno matte :)
Ma una cosa é spalmarsi le mani, un'altra é spalmarsi il viso ed il decolltè.
Speriamo che la destinataria ne rimanga soddisfatta...io lo sono proprio! Niente miracoli però....i punti neri e le imperfezioni rimangono ma la pelle é molto piu fresca e luminosa.
Avatar utente
canghita
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre, 2007 18:15

Messaggioda barbara » sabato 14 giugno, 2008 09:12

umilmente chiedo: ma l'estratto fluido di fucus vesiculosis in un antirughe a cosa serve? l'ho sempre visto negli anticel...
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21727
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Prossimo

Torna a l'angolo dello SPIGNATTAMENTO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron