di Barbara Righini
online dal 2005

Estratti glicerici, come si usano?

dove piccoli grandi cosmetici fai da te prendono forma!

Moderatori: Letizia, Vera, Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina

Estratti glicerici, come si usano?

Messaggioda azahar751 » venerdì 23 maggio, 2008 21:55

Ad esempio, gli estratti glicerici di malva e di caldendula possono essere usati per fare una crema corpo doposole-lenitiva?
Sono alcolici? Si mettono a freddo? Percentuale d'uso?
Che differenza c'è tra estratto di caldendula, estratto glicerico di caldendula e tintura madre di caldenula?

Scusate le troppe domande :oops:
Francesca
Avatar utente
azahar751
BioUntrice
 
Messaggi: 5624
Iscritto il: mercoledì 26 settembre, 2007 10:43
Località: Trento

Messaggioda Lola » sabato 24 maggio, 2008 09:17

estratto non dice niente come parola, bisogna vedere la parola successiva.

estratto glicerico: in glicerina; non particolarmente ricco di principi attivi perchè la glicerina è poco solvente. La glicerina è un alcool ma non come pensi tu, non è solvente e sgrassante.

estratto glicolico: il più ricco di principi attivi (ottimo solvente) ma ha la pecca di essere estratto in propylene glycol, che è di derivazione petrolifera (e questo è il meno) e veicola all'interno della pelle tutta la preparazione, anche quello che non vogliamo ci vada (conservanti, profumo, emulsionanti); è una sostanza che non mi piace molto. L'effetto che ha sulla pelle è molto setoso.

estratto idroalcolico: da pianta secca o fresca (in questo caso si chiama tintura madre) è mediamente ricco di principi attivi - più della glicerina, meno del glicole propilenico. Ottimo secondo me.

per le dosi fai ad occhio, fino al 2% di alcolico e fino al 3% di glicerico si può usare.
Lola
Avatar utente
Lola
ReginaDegliSpignattatori
 
Messaggi: 890
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:06

Messaggioda auri » sabato 24 maggio, 2008 11:04

Grazie Lola di queste spiegazioni perchè anche per me non era molta chiara la differenza tra i vari tipi. Facevo una grande confusione devo dire :oops:

Me li copio e me li metto subito nel mio quadernone!!!! Cosi in casi di dubbi futuri....me li vado a rileggere. :)
auri
 
Messaggi: 242
Iscritto il: lunedì 03 dicembre, 2007 20:22

Messaggioda frine » domenica 26 ottobre, 2008 19:13

ho in casa un estratto glicerinato di ippocastano (sarà lo stesso che glicerico, avranno scritto un po' a caso, visto che è prodotto direttamente dall'erboristeria?) che l'estate scorsa usavo (non proprio con continuità) aggiungendolo alle cremine che mettevo sui piedi per attenuare un po' i capillari e le venuzze.
Poi ho preso la pomata di victor philippe e l'estratto è rimasto un po' lì inutilizzato, quindi mi chiedevo se potevo utilizzarlo aggiungendone un paio di gocce al tonico autoprodotto (ora con l'aceto di mele, fra pochi giorni dovrei avere anche il tonico all'hammamelis di fitocose), visto che ho qualche capillare anche alla base del naso, e anche tenendo conto che dopo uso la s-lotion... ho sempre paura di bistrattare la mia faccetta delicata, ma se il glicerico, come diceva lola, non è troppo forte, dovrei andare tranquilla, vero?

o no? :oops:
Avatar utente
frine
 
Messaggi: 349
Iscritto il: lunedì 03 marzo, 2008 22:04
Località: parma

Messaggioda meri_nga » domenica 06 marzo, 2011 01:45

Lola ha scritto:
estratto idroalcolico: da pianta secca o fresca (in questo caso si chiama tintura madre) .


mmm titnura madre come quelle dei prodotti omeopatici? :oops:
Meglio una Meri_nga oggi, che la dieta domani
Avatar utente
meri_nga
 
Messaggi: 37
Iscritto il: sabato 22 gennaio, 2011 16:41

macerato glicerico artiglio del diavolo

Messaggioda nonlosò » lunedì 13 febbraio, 2012 14:32

Mi interessa molto questo argomento e vorrei inserirmi. Seguendo un video di Carlita sugli estratti, ho fatto un macerato glicerico di artiglio del diavolo (spero di aver capito la differenza tra gli estratti) ma ho fatto il doppio delle proporzioni di cui parlava nel video sull'edera quindi ho fatto così:

20g di artiglio del diavolo(radice)
ricoperta di alccol buongusto per una settimana

Passata una settimana ho aggiunto 100gr di acqua e 100gr di glicerina lasciando di nuovo macerare per tre settimane, quindi ho filtrato più volte per avere un liquido limpido, non ho messo nessun conservante per la presenza dell'alcool e ho riempito un contenitore di vetro scuro

Mi viene il dubbio per le percentuali forse avrei dovuto mettere 200 di glicerina e acqua?
Immagine
Avatar utente
nonlosò
 
Messaggi: 83
Iscritto il: lunedì 21 novembre, 2011 08:00
Località: gallicano nel lazio

Re: Estratti glicerici, come si usano?

Messaggioda VeronicaB » martedì 26 novembre, 2013 20:29

Presa dall'ansia per un operazione al mio gatto :sniff:
sto facendo un estratto in glicole propilenico (lo so che non e' molto amato)
di amla, ortica ed altre erbe per capelli ... ma quello che voglio mostravi e' il nostro
agitatore riscaldato
:lol:
Immagine

Come vedete ho messo un becher in vetro con le polveri e il glicole
dentro il fornelletto di aromazone a 40 gradi, sopra il mixer con le fruste in plastica,
il tutto montato magicamente dal mio fidanzato.
La creatura si trova in bagno a lavorare.
Filtrarlo sara' un dramma :sbong: ma comunque lo usero' per
una crema impacco per capelli e me ne frego se non si filtra bene.
Siamo fieri della creatura :D
VeronicaB
 
Messaggi: 12
Iscritto il: martedì 01 ottobre, 2013 16:40
Località: Catania

Re: Estratti glicerici, come si usano?

Messaggioda barbara » mercoledì 27 novembre, 2013 09:51

Veronica complimenti per la fantasia della soluzione :D
Però venire su un forum ecobio a dirci che estrai tramite glicole propilenico... essù, ma perchè? :sniff:
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21727
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Re: Estratti glicerici, come si usano?

Messaggioda VeronicaB » mercoledì 27 novembre, 2013 11:18

barbara ha scritto:Però venire su un forum ecobio a dirci che estrai tramite glicole propilenico

Grazie Barbara, in effetti volevo che l'attenzione fosse verso la creatura e non il glicole (che per adesso non disdegno). Comunque, potremmo usare la creatura anche con la glicerina ed anche per fare gli oleoliti :)
VeronicaB
 
Messaggi: 12
Iscritto il: martedì 01 ottobre, 2013 16:40
Località: Catania


Torna a l'angolo dello SPIGNATTAMENTO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite