di Barbara Righini
online dal 2005

cosa è un brufolo?

Vuoi dare o ricevere un consiglio su cosa spalmarti? Vuoi discutere su ingredienti particolari, nuovi ritrovati, ecofurbate vere o presunte? Vuoi parlare di certificazioni o discutere/segnalare un articolo/video cartaceo o telematico? Posta qui.

Moderatori: Letizia, Vera, Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina

cosa è un brufolo?

Messaggioda tweety » giovedì 30 agosto, 2007 12:10

La domanda pare ovvia quindi mi spiego meglio.
Quello che non capisco è perchè non tutti i brufoli sono uguali: alcuni rimangono sottopelle sono duri e fanno un male cane, alcuni rimangono lì immutati sulla pelle per giorni (a volte anche un mese) poi seccano e spariscono, alcuni maturano (scusate la schifezza) e c'è il pus, alcuni lasciano macchie altri no. Sono tutti la stessa cosa e vanno trattati allo stesso modo?
Insomma credo che sapere distinguere un brufolo da un altro (se esiste una differenza effettiva) e quindi sapere cosa si ha di fronte e perchè è spuntato potrebbe aiutare a curarlo.
Insomma per fare un paragone se ho mal di stomaco devo capire a cosa è dovuto (aria, acidità, cattiva digestione) in modo da sapere cosa prendere (del carbone, un antiacido, o un digestivo).
A tutto ciò aggiungo che siccome in passato ho sofferto di rosacea e siccome ogni tanto sulle guancie ho un po' di eritrosi a volte mi chiedo se quel ponfo rosso è un brufolo o dipende dalla rosacea (che viene impropriamente chiamata acne ma che a quanto so non c'entra nulla con l'acne).
Grazie a chi sa illuminarmi
Avatar utente
tweety
 
Messaggi: 118
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 18:28
Località: Milano

Messaggioda riky » giovedì 30 agosto, 2007 13:04

Per la tua domanda su che cosa è un brufolo, mi auto-copio


Acne e brufoli: che brutte bestie! Ma, cari ragazzi e ragazze, non isolatevi, non intristitevi e non deprimetevi, primo perchè l'acne si può combattere e tenere a bada molto bene, secondo perchè non siete soli come credete. Anche se chi ha la faccia "fiorita" pensa di essere l'unico tapino con questo problema, in realtà almeno l'80% dei giovani tra i 12 e i 20 anni ha una forma più o meno grave di acne.
Già, ma che cos'è l'acne? E' una malattia della pelle (sì, una vera e propria malattia, anche se assolutamente non grave, benchè vi faccia disperare!), caratterizzata da diversi tipi di "elementi" che compaiono soprattutto al viso e alle spalle. Questi elementi non sono solo i famosi "brufoli" (da cui l'orribile soprannome "brufolo bill" col quale molti simpatici ragazzi sono bollati), ma anche punti bianchi e punti neri, papuline rosse (piccoli rilievi della pelle di consistenza solida) e poi, nei casi più gravi, noduli profondi ("gnocchetti" dolorosi situati negli strati più prfondi della pelle) e cisti (accumuli di sebo, rossi e infiammati).
Se la pelle è il campo di battaglia, l'acne è il nemico da combattere.



PERCHE' VENGONO I BRUFOLI


Protagonista indiscussa dell'acne è la ghiandola sebacea, quella ghiandoletta che produce il sebo, che arriva all'esterno della pelle sbucando nell'ostio follicolare - il "poro" -, attraverso un canale che si chiama, appunto, canale pilo-sebaceo. Ecco che in questo canale avviene di tutto: si accumula sebo, si accumula cheratina, si forma un "ingorgo" che porta, spesso, allo "scoppio" del canale stesso. Sono quindi coinvolti il sebo, la cheratina, le cellule dell'infiammazione, i batteri che vivono nella pelle...I direttori di questa orchestra bizzarra sono gli ormoni, quelli che tutti voi producete a partire dalla pubertà:.L'acne,in fondo, è proprio causata da una interazione "anomala" tra le ghiandole sebacee e gli ormoni.

Perchè vengono i brufoli

Protagonista dell'acne è la ghiandola sebacea, una piccola "sacca" situata negli strati più profondi della pelle, e collegata all'esterno attraverso un 'canale' che si apre nel 'poro' (cioè nell'ostio follicolare') ..Il compito principale della ghiandola sebacea è appunto quello di produrre il sebo, l'olio che lubrifica la pelle. Quest'olio viene prodotto, sotto lo stimolo degli ormoni sessuali, solo a partire dalla pubertà. L'acne, infatti, non esiste finchè non si arriva alla produzione di ormoni e, quindi, di sebo. Senza la ghiandola sebacea, non esisterebbe acne.
Ma il sebo non è l'unico fattore coinvolto nella comparsa di brufoli e acne: il sebo in eccesso è quello che dà la pelle grassa. Ma benchè si possa avere pelle grassa senza acne, è impossibile avere acne senza sebo in eccesso.
Che cosa succede, in chi ha i bufoli?Abbiamo visto che c'è una eccessiva produzione di sebo - chiamata seborrea - , dovuta ad una abnome ed esagerata risposta della ghiandola sebacea a un gruppo di ormoni - gli androgeni - che vengono secreti solo dopo la pubertà. Non lasciatevi ingannare dal nome, perchè gli androgeni vengono prodotti normalmente anche dalle ragazze. Nella maggior parte dei casi, nell'acne, non ci sono problemi ormonali di alcun tipo.
Succede solo che i normalissimi ormoni sono "captati" in una maniera particolare -e, ahimè, legata ai cromosomi- da parte della mefitica ghiandola sebacea stessa. NON SOLO.


Non spaventatevi del termine, ma c'è anche una alterazione nel processo di cheratinizzazione. La cheratinizzazione è quel processo che porta alla formazione dello strato più esterno della nostra pelle, chiamato strato "corneo" proprio perchè duro, resistente, protettivo. In caso di acne, le cellule cornee, dure e resistenti, "albergano" placidamente nel canale pilosebaceo. Non vengono più normalmente eliminate. Ed ecco che il canale pilosebaceo si intoppa e si ingorga di sebo e di detriti cornei.

Ed ecco il primo elemento visibile dell'acne: il punto bianco e il punto nero (a proposito, il punto nero non è nero perchè è sporco, ma perchè il materiale ingorgato si ossida all'esterno: infatti nel punto nero il poro è aperto, nel punto bianco il poro è chiuso).
Che cosa succede ad un canale che si ingorga? Scoppia!
Il canale, abnormemente ripieno di olio e cheratina, ha anche un eccesso di "abitanti", cioè di microbi che lo colonizzano. Ora, se i microbi vivono normalmente e in salute sulla pelle di tutti, spesso aiutandola e proteggendola contro altri microbi più virulenti, va detto che i batteri, nel sebo, ci sguazzano, e crescono benissimo. Forse un po' troppo, anche se l'acne non ha nulla a che vedere con una qualsiasi malttia infettiva (a proposito: l'acne non è per niente contagiosa).
Allora, i batteri del canale scoppiato si riversano negli strati più profondi della pelle. Ed ecco che tutte le nostre "sentinelle contro i nemici", ovvero le cellule dell'infiammazione, si riversano sul terreno come soldati in battaglia. La pelle si infiamma, diventa rossa e dolente, e dai semplici punti bianchi e punti neri, ecco pustole gialle, papule rosse, noduli...Insomma, tutti gli elementi acneici al gran completo.
Sapete perchè l'acne si chiama "polimorfa"? Perchè le forme delle sue lesioni sono davvero tantissime! Ma, in buona sostanza, ciò che voglio sottolineare è che l'acne non è una "infezione" della pelle, ma la reazione "infiammatoria" a tanti eventi.
La sua gravità è regolata dai cromosomi, e da vari altri fattori-un'acne può essere rappresentata da tre pustoline ogni tanto, come può essere ben più seria e deturpante- ma, ricordatevi, c'è sempre una cura giusta che la può sconfiggere.












































































:) :)
riky
MiticaPellologa
 
Messaggi: 160
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:47

Messaggioda barbara » giovedì 30 agosto, 2007 13:07

Riky, un altro post da pubblicare :)
gratissima sugno :love:
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21727
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda riky » giovedì 30 agosto, 2007 13:13

:D

alura, ora ti mando la cura dell'acne, che purtuttavia non è eco....

perquelmotivo titubavo (sembra una litania...)


però oggi possiamo sempre divertirci a ecologizzare la cura dell'acne!


Tweety - le tue lesioni sono legate alla rosacea- sempre elementi infiammatori sono, e solo tu puoi sapere che cosa li abbia scatenati (arrabbiatura? cibo pesante? eccesso d'alcool? ciclo in arrivo? creme sbagliate? tonsillite? granuloma a un dente? ulcera duodenale?......)
riky
MiticaPellologa
 
Messaggi: 160
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:47

Messaggioda riky » giovedì 30 agosto, 2007 13:28

ACNE
COME CURARSI

E' fondamentale: chi ha brufoli e acne deve contemporaneamente curare e calmare la pelle. Le cure improvvisate, dalle cure della nonna agli impiastri e consigli più strampalati che sentite in giro, non servono quasi mai, anzi, spesso peggiorano e prolungano la situazione. Per guarire, occorre essere tattici e precisi, e combattere l'acne su tutti i fronti: su quello della seborrea in eccesso, su quello della colonizzazione batterica che da il via al processo infiammatorio, e sul processo infiammatorio stesso...
Ma non è così complicato! Basta lavare bene il viso mattino e sera, e applicare sulla pelle i prodotti giusti. Giusti, inteso, non pasticci!


Prima di leggere come si cura l'acne, incidete bene nella vostra testa una realtà assoluta: i brufoli non si possono "seccare" con un miracoloso "killer del pus". I brufoli non spariscono in una notte, e nemmeno in una settimana. L'acne guarisce - ve l'ho detto e lo ripeterò all'infinito - ma le cure possono durare settimane e mesi. Ovvio, mentre fate le cure giuste la pelle migliora. MA IN POCHI GIORNI NON SUCCEDE UN BEL NIENTE!
La cura dell'acne va affrontata con determinazione e pazienza.
Questo è il vostro motto: INSISTI, PERSISTI, RAGGIUNGI, CONQUISTI.
E la conquista è una bella faccia liscia . La vostra vera faccia.
A adesso arrivo al da farsi.
Forse non lo sapete, ma avete un alleato prezioso - soprattutto se la vostra acne vi preoccupa molto, e se la presenza di brufoli e altre "bestiacce" sul viso vi ha proprio stufato: l'alleato è il dermatologo, il vostro "amico per la pelle".
Beh, ma in attesa di andare dal dermatologo giusto, o nel caso in cui l'acne sia piuttosto leggera (due- tre brufoletti qua e là), quali sono le cose da fare?

SCHEMA:
La pelle va "calmata" e curata. Sbagliato aggredirla - la cute acneica è già troppo provata, e, non ostante le apparenze, può essere molto sensibile - sbagliato, al contrario, far finta di nulla, e - come succede nel caso di molte ragazze - nutrirla e idratarla con prodotti grassi e inadatti: a che serve oliare una pelle già ricca di olio? La pelle è sensibile, non certo secca!
Occorre lavare bene, e a fondo, il viso, mattino e sera.
Usate saponette delicate, oppure saponi liquidi specifici, mai troppo aggressivi, formulati appositamente per il viso. Disinfettare troppo la pelle non serve, come non è certo la detersione a guarire l'acne. Ma una buona detersione aiuta, eccome!
In ogni caso, è sbagliato sia l'eccesso -il lavarsi troppo, e con sostanze troppo
aggressive, sia il lavarsi poco e male, magari con latte detegente (da bandire in caso di ragazze con pelle grassa e acneica, a meno che non venga utilizzato solo per struccarsi, prima di passare sul viso il sapone da sciacquare con acqua) o , peggio di tutto,...niente, come succede spesso ai ragazzi prima di andare a scuola..

Occorre poi distinguere il proprio problema: la pelle arrossata, infiammata, con elementi papulo-pustolosi, quelli più vistosi e disturbanti (ovvero, pustole gialle e papule rosse, su di una base di pelle rossa e bruciante), va sempre calmata, prima di qualsiasi cura.
Per fare ciò, conviene applicare un preparato a base di ossido di zinco al 10% (come le paste che si mettono sul...culetto dei bebè), tutte le sere, finchè la pelle non si calma, e l'acne non si sfiamma. Un segreto, è quello di mettere, prima della pasta bianca all'ossido di zinco, sui singoli elementi acneici, una lozione, o un gel o una emulsione antisettici.
Questi preparati vanno messi solo sulle pustole e sui brufoli. Al mattino dopo le ragazze possono mettere, dopo essersi lavate il viso, un gel o una emulsione idratante leggera, dopodichè possono tranquillamente truccarsi (sempre con prodotti specifici, possibilmente ecobiocompatibili - non preoccupatevi: il trucco di oggi non "occlude i pori" e non peggiora l'acne).

I ragazzi invece metteranno la loro lozione o gel antisettico (state tranquilli: non si vede!).
E' possibile, e consigliabile, fare delle maschere, a casa, così preparate: argilla in polvere (si trova in farmacia e in erboristeria) mescolata ad acqua fino a farne una pappa: va applicata sul viso pulito per una mezz'ora, poi sciacquata via con acqua tiepida (l'argilla allevia l'infiammazione e il rossore, e limita la secrezione sebacea). La maschera ha anche il gran vantaggio - mentre la tenete su - di impedirvi di toccarvi, grattarvi, torturarvi e cincisciarvi la pelle. Vi consente di lasciarla tranquilla e di farla riposare un pò, povera pelle.


NON SCHIACCIATEVI !

E' importantissimo non schiacciarsi nè grattare il viso, nè toccare le lesioni, non tanto perchè così facendo "infettate" la parte, ma perchè peggiorate l'infiammazione. E così facendo mantenete ben acceso il fuocherello interno che "alimenta" i brufoli!
Vietate, insomma, le pulizie caserecce, le sedute in bagno a schiacciarvi davanti ad uno specchio, o -orrore orrore! - bucare i brufoli e noduli con un ago, oppure il toccare costantemente il viso (avete mai fatto caso che a scuola, in classe, avete sempre le mani in faccia? Sì, è comodo stare con le mani appoggiate alle guance, è anche utile per nascondere i brufoli, ma alla vostra pelle non fa proprio bene.)
Allora, per la vostra acne, è meglio tenere le mani occupate in altro modo:
stringete un pupazzotto antistress, o giocherellate con della gommapane o del pongo!


SCHEMINO FINALE
Riassumiamo. Avete l'acne, o pochi brufoli, e non sapete che cosa fare.
Alla sera, sul viso, un gel o una lozione disinfettante o antisettica sulle parti colpite (oppure vi preparate una lozione astringente, o ricorrete ad un'idrolato di camomilla, o di tiglio, o di fiori di arancio...)
. Sopra, specie se il viso è infiammato, una pasta al 1O% di ossido di zinco, che trovate in farmacia e nei negozi che tengono prodotti ecobio(sono quelle usate per le infiammazioni del culetto dei bebè).
Ala mattino, dopo aver lavato il viso con acqua e sapone, applicate ancora un gel antisettico,o un gel di aloe .
Se avete brufoli ed altri elementi sulla schiena, fate una doccia tutti i giorni con acqua e sapone, evitate tassativamente i bagni schiuma, e tenete sempre, a contatto della pelle, indumenti di cotone, come una T shirt bianca: mai lana o indumenti sintetici. La sera, prima di dormire, la stessa soluzione o gel o lozione antisettica che mettete sul viso.
E non dimenticate mai che l'acne guarisce sempre, quando è ben curata!
Se qualcuno vi dice che ve la dovete tenere, che non guarirà mai, o che guarirà solo quando vi...sposate, beh, dategli tranquillamente dell'incompetente.
Il migliore modo di perdere una battaglia, è quello di partire con l'idea di perdere.
E nessun bravo generale assume quest'atteggiamento all'inizio della lotta contro il nemico!




CHE COSA FARE E NON FARE

CHE COSA FARE

* Armatevi di pazienza, di costanza e di fiducia: i brufoli guariscono sempre, quando ben curati.
* Lavate bene il viso mattino e sera con acqua e una saponetta da toeletta delicata o un detergente specifico. Evitate, invece, latti detergenti o, al contrario, detergenti troppo aggressivi e "scrubs".
* Trattate la vostra pelle con estrema delicatezza: non dimenticate mai che è infiammata, o comunque..."infiammabile"!
*Applicate almeno una volta al giorno, dopo il lavaggio, su tutte le parti con brufoli, gel o lozioni o emulsioni antisettiche. Se la pelle è rossa, va calmata con le paste all'ossido di zinco da mettere alla sera.
* Le regazze possono truccarsi, purchè usino ciprie in polvere, o fard, o fondo-tinta "oil free", mai fondo tinta cremosi o creme grasse: il trucco giusto comunque non fa male alla pelle, nè peggiora l'acne, anzi aiuta, se non altro psicologicamente!
* Parlate con gli amici, parlate con i vostri genitori, non fate finta di non avere problemi solo perchè vi vergognate. Il primo passo per guarire è l'informazione e la consapevolezza.
* Imparate, da subito, ad amare la vostra pelle!
* Affidatevi ad un dermatologo che vi dia fiducia.

CHE COSA NON FARE

* Poichè la pelle è sempre infiammata, è vietato toccarsi in continuazione, strizzare bufoli e punti neri, grattarsi.
* Non isolatevi, non deprimetevi, ma agite positivamente: tristezza e stress peggiorano l'acne !
* Non pensate mai che brufoli si "seccano" in una notte! Non interrompete mai le cure perchè non vedete i risultati subito! Non perdete la pazienza!
Occorrono almeno tre mesi per guarire.
* Le diete in bianco non servono a guarire dall'acne. Mangiate di tutto, soprattutto tanta frutta e verdura fresche, e non date tutte le colpe all'alimentazione. Però che questa non sia una scusa per rimpinzarvi solo di schifezze!
* Non pensiate di avere chissà quali squilibri ormonali. L'acne viene ai ragazzi e alle ragazze predisposte costituzionalmente. E sono ben l'80% dei giovani dopo lo sviluppo! E la "tempesta ormonale" dello sviluppo capita proprio a tutti.
* I lettini abbronzanti non servono a guarire dall'acne, per cui che non vi venga la mania di farne troppi.
* Non pensate a curare le cicatrici prima che sia guarita l'acne.
* Non affidate la vostra pelle a chiunque, evitate le autocure, ed eviterete atroci delusioni.

E PER CONCLUDERE...un piccolo glossario sull'acne

* ACNE VOLGARE POLIMORFA, detta anche "giovanile"= è una malattia della pelle, caratterizzata da anomalie delle ghiandole sebacee.

* COMEDONI= sono i punti bianchi e i punti neri, cioè accumuli di sebo e cheratina nel canale pilo-sebaceo.

* CANALE PILO-SEBACEO= il condotto che collega la ghandola sebacea al "poro" esterno della pelle, che si occlude in caso di acne.

* BRUFOLI= sono e tipiche lesioni dell'acne che si infiamma, chiamate "pustole", e causate dallo "scoppio" del canale pilo sebceo. Possono essere pochi o numerosi.

* PAPULE = rilievi piccoli, tondi e arrosati della pelle, caratteristici dell'acne, che si possono alternare a pustole e comedoni.
riky
MiticaPellologa
 
Messaggi: 160
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:47

Messaggioda tweety » giovedì 30 agosto, 2007 14:58

Grazie Riky, sempre esauriente e disponibilissima!
Le lesioni che mi vengono sulle guance temo proprio che siano legate alla rosacea (e mi riconosco in tante delle cause scatenanti che citavi...vedi arrabbiatura, vedi ciclo in arrivo, vedi problemi di stomaco, vedi tonsille) tali lesioni le tratto con l' antibiotico specifico che mi è stato descritto.
Ma le lesioni che mi vengono sotto il mento e lungo la mandibola che per il mio occhio inesperto sono simili alle lesioni delle guance mi lasciano un dubbio essendo in una zona non tipica della rosacea. E se fossero come ha provato a sparare un'estetista dalla quale faccio la ceretta follicolite? Secondo lei potrebbe essere visto che in quelle zone ho una barbetta bionda molto fine. boh!!!!
Insomma vorrei saper leggere meglio la mia pelle e saper riconoscere un brufolo dalle altre lesioni per poter agire di conseguenza chiedo troppo ?:oops:
Avatar utente
tweety
 
Messaggi: 118
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 18:28
Località: Milano

Messaggioda piper » giovedì 30 agosto, 2007 17:21

riky, nel II intervento hai scritto di preparare una lozione astringente a base di tiglio o fiori di arancio.

Io l'anno scorso avevo i punti neri che mi facevano impazzire e avevo letto su un libro che può aiutare l'infuso di calendula, lo preparavo al mattino e lo usavo 2 giorni (tenendolo in frigo) al posto del tonico.

Dici che posso fare la stessa cosa con fiori di arancio e tiglio (che guarda caso ho proprio ma già mischiati!!!)? a cosaa serve esattamente? per sfiammare? perché adesso non ho vere e proprie pustole o punti neri (si alcuni sì ma non eccessivi), ma mi assillano soprattutto quelli che credo siano "punti bianchi" nella zona degli occhi e dei brufoletti sotto pelle, ovvero puntini che hanno anche la "capocchia" giallino-bianca ma non come i brufoli perché se li schiacci non esce nulla mentre dal brufolo esce di tutto :oops:
Avatar utente
piper
 
Messaggi: 1853
Iscritto il: lunedì 13 agosto, 2007 09:33

Messaggioda Tomatina » giovedì 30 agosto, 2007 17:34

interessantissimo riky!!

e posso aggiugere un ringraziamento personalissimo??
come ben sai io sono una di quelle che tocca e tortura ( :mazz: mi bastono da sola)
devo dire che a leggere questo articoletto mi sono sentita speranzosa di poter guarire.. ma solo con i giusti accorgimenti e mettendo le mani in tasca!!! :oops:
forse (anzi, ora credo di si') un giorno riusciro' a parlare con le persone senza aver sempre la paura che stiano scrutando la mia brutta pelle :oops:

quindi, GRAZIE :abbr:
Mantieni questo forum un luogo civile: segui il regolamento!
:angel: MIO BLOG! :fiore:
Avatar utente
Tomatina
TsunamiGentile
 
Messaggi: 6297
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 14:06

Messaggioda Altea » venerdì 31 agosto, 2007 11:57

ecco, giacchè si parla di brufoli, qualcuno mi spiega perché quando fa caldo e si suda la mia pelle diventa ospite di graziosissimi mostri rossi e punti neri?
Stamattina mi sono svegliata con brufoletti, punti neri e taglietti sulla fronte (anche quelli dovuti al sudore)...sono uno spettacolo :?


ah, io li schiaccio sempre :oops: per fortuna non ho mai avuto l'acne, e quando li schiaccio poi spariscono, se li lascio lì invece restano per giorni :oops:
Gli imbecilli sono molto creativi
Barbara© Immagine
Avatar utente
Altea
UsignoloCapellone
 
Messaggi: 783
Iscritto il: lunedì 23 luglio, 2007 11:40

Messaggioda tweety » venerdì 31 agosto, 2007 12:04

la butto lì...forse perchè il sudore favorisce l'intasamento del poro e la proliferazione dei batteri?
Avatar utente
tweety
 
Messaggi: 118
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 18:28
Località: Milano

Messaggioda riky » venerdì 31 agosto, 2007 18:29

Basta farmi domande :shock: ......

il sudore e il caldo umido rendono la pelle più reattiva (anche le allergie peggiorano).

Abbiamo visto che gli elementi acneici sono legati anche ad una situazione infiammatoria, ergo...

Non solo: il caldo umido imbibisce d'acqua le cellule dell'epidermide, ed anche le cellule degli osti follicolari. Per questo i pori sembrano più "gonfi" - sono imbibiti. E servono decisamente meno creme idratanti (o addirittura nulla).
riky
MiticaPellologa
 
Messaggi: 160
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:47

Messaggioda Tomatina » venerdì 31 agosto, 2007 19:23

riky ha scritto:Basta farmi domande :shock: ......

ecco.. non spaventiamo riky riempendola di domande e facendola scappare via :(
Mantieni questo forum un luogo civile: segui il regolamento!
:angel: MIO BLOG! :fiore:
Avatar utente
Tomatina
TsunamiGentile
 
Messaggi: 6297
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 14:06

Messaggioda cristina81 » domenica 08 febbraio, 2009 16:39

riky ha scritto:ACNE
Se avete brufoli ed altri elementi sulla schiena, fate una doccia tutti i giorni con acqua e sapone, evitate tassativamente i bagni schiuma, e tenete sempre, a contatto della pelle, indumenti di cotone, come una T shirt bianca: mai lana o indumenti sintetici. La sera, prima di dormire, la stessa soluzione o gel o lozione antisettica che mettete sul viso.



mio fratello (20 anni) ha enormi brufoli sulla schiena, rossi e visibilmente infiammati. finalmente, dopo anni di dermatologo e creme e lozioni costosissime e a base di siliconi & c, sono riuscita recentemente a convertirlo all'eco-bio. :ponpon:
per la detersione stiamo provando con le saponette de la saponaria e una volta a settimana preparo un impacco di argilla e acqua. puo' andare? e per quanto riguarda la lozione antisettica, secondo voi puo' andare bene la S-Lotion di SCTS?
Avatar utente
cristina81
 
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 11 gennaio, 2009 17:06

Messaggioda valefaramir » domenica 08 febbraio, 2009 20:34

Mitico post...grazie a Cristina che l'ha tirato su
Avatar utente
valefaramir
Skywalker
 
Messaggi: 1597
Iscritto il: mercoledì 30 luglio, 2008 12:34
Località: parigi-milano

Messaggioda witch » martedì 10 febbraio, 2009 22:58

grazie davvero!!!
witch
 
Messaggi: 380
Iscritto il: mercoledì 25 giugno, 2008 23:42

Prossimo

Torna a i cosmetici, la pelle e il pianeta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron