di Barbara Righini
online dal 2005

Olio di Palma Grezzo

dove piccoli grandi cosmetici fai da te prendono forma!

Moderatori: Letizia, Vera, Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina

Olio di Palma Grezzo

Messaggioda Diakranis » giovedì 28 febbraio, 2008 22:14

Dicono che non abbia un buonissimo odore...

Comunque sapete le sue proprietà?

Per fare i saponi va bene e gli da il suo odore?

(io non so che odore abbia quindi non so dire quanto sia forte..)
Avatar utente
Diakranis
 
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 31 agosto, 2007 21:03
Località: San Vittore Olona - Milano

Messaggioda Meristemi » martedì 04 marzo, 2008 21:05

Di palme ne esistono decine e da quasi tutte si ottengono oli. Questo per dire che ci possono essere in commercio oli diversi e con caratteristiche variabili.

L'olio di palma più comune (quello alimentare per intenderci, ottenuto da Elaeis guineensis) ha la tendenza ad irrancidire e nella versione più grezza contiene anche acidi grassi a catena corta, che non sono profumatissimi (anzi, i C12:0 e C14:0 anche se sono prenenti nell'1% o anche meno si fanno decisamente sentire...). Questa caratteristica è comune un po' a tutti gli oli di palma, in realtà.

Alcune di queste palme hanno un contenuto in carotenoidi molto elevato (come la), ed i loro oli sono arancioni (in E oleifera i carotenoidi sono 10 volte più abbondanti che in E. guineensis, ad esempio). Alcune palme amazzoniche come la Chonta (Bactris gasipaes) ne contengono ancora di più.

Se però l'olio è stato raffinato e conservato bene questi problemi sono minimizzati e viene usato molto spesso per fare saponi commerciali su scala industriale, specie dove non si vuole (o non si puo') fare ricorso a grassi industriali di origine animale a basso costo.

Detto questo, io volendo farmi i saponi in casa sceglierei una base migliore e meno "industriale", anche se meno cheap. Anche perchè esiste da tempo una forte questione ambientale legata all'uso dell'olio di palma: per far spazio alle sue piantagioni si sta disboscando pesantemente quel che rimane delle foreste tropicali asiatiche (Malesia, Indonesia e zone limitrofe).
Meristemi
 
Messaggi: 59
Iscritto il: lunedì 14 gennaio, 2008 06:32

Messaggioda plesea » domenica 11 gennaio, 2009 23:45

conchigliablu ha scritto:Ci tenevo molto ad esprimere una mia opinione,riguardante,in particolare,cosmesi e detergenti...Quando esistono linee non perfattemente ecobio,ma che potrebbero esserlo potenzialmente,abbiamo il diritto e il dovere d'intervenire,di far notare ai produttori i loro difetti,voluti e non,e di indurli a rivederli.Specialmente,quando questi promettono prodotti naturali all'insegna della naturalità ed dell'ecologia.A volte,è veramente un peccato boicottare lasciar perdere...Pensate a quante materie prime,anche di ottima qualità,vengono sprecate per via di ingredienti inutili o pessimi all'interno di formule che basterebbe poco per essere ecobio...E pensate,inoltre,a quanti sacrifici stanno dietro alla produzione originaria di quelle piante,quelle sostanze per noi tanto utili e scontate.La foresta del Borneo è stata notevolmente violata e distrutta,con gravi conseguenze per l'ecosistema,per far posto alle coltivazioni di palma da olio,della cui materia prima v'è una continua richiesta mondiale.L'olio di palma o di palmisto,infatti,è uno dei grassi più usati in cosm esi e non solo...Ma,immagino, voi sappiate da tempo queste cose...Quindi,se possibile,quando ne vale la pena,occorre unirsi,farsi vedere e sentire,per orientare chi non capisce e provare a cambiare quello che non va...Dovrebbe essere un discorso valido per ogni aspetto della vita e del comportamento umano,ma,in questo caso, si sta parlando solo di bioecocosmesi e dintorni...
Avatar utente
plesea
ProblemSolvingWoman
 
Messaggi: 9639
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 21:06
Località: Roma


Torna a l'angolo dello SPIGNATTAMENTO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite