di Barbara Righini
online dal 2005

Fluido alla Lavanda e Arnica con Olio d'Oliva e cera d'Api..

dove piccoli grandi cosmetici fai da te prendono forma!

Moderatori: Letizia, Vera, Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina

Fluido alla Lavanda e Arnica con Olio d'Oliva e cera d'Api..

Messaggioda Mammagaia » giovedì 16 aprile, 2009 13:34

......che scritto così sembra chissà quale roba spaziale, ma invece no :D

Semplicemente sono partita da lontano..........un paio di settimane fa ho partecipato a un laboratorio di autoproduzione in cui tra le altre cose abbiamo fatto una pomata con c'era d'api e un oleolito a scelta......il mio era all'arnica, per cui mi è venuta una specie di cubo di una sostanza grassa (tipo pomata all'arnica per le contusioni) che però in quella formulazione non avevo molto modo di usare........allora ho pensato di usarlo per la fase grassa di una nuova crema che ho fatto come segue:

FASE GRASSA
20g di pomata come sopra
10g di olio di oliva (potevo usare quello di mandole, ma volevo cambiare)
10g montanov

FASE ACQUOSA
5g Gomma Xantana
10g Glicerina
100g Acqua distillata
50g Idrolato di Lavanda


A FREDDO
20 gocce Phenonip

Ho preparato la fase Acquosa direttamente in un barattolo di vetro (quelli da marmellta per intenderci) e quando è stata calda ho chiuso il barattolo e ho agitato (consiglio di Lola per avere a prodotto finito un po' meno effetto bava). Poi ho versato sempre mescolando un po' alla volta i grassi che nel frattempo si erano sciolti a bagnomaria, e una volta messi tutti ho richiuso il barattolo e ho shekerato per bene per emulsionare

E' venuto un fluido giallino (tipo maionese), che ho lasciato raffreddare con calma mescolandola ogni tanto.

Quando si è raffreddata ho aggiunto il phenonip. Tra l'arnica e la lavanda il profuno si sente ed è anche bello intenso nel barattolo, mentre poi spalmato si mitiga e diventa molto gradevole.

E' rimasta molto meno bavosa della prima e lascia sempre un pochino di scia, ma, come per la precedente basta splamare un po' più a lungo che si assorbe benissimo.

Di nuovo contentissima.

Il mio prossimo obiettivo è di riuscire a fare una vera e propria crema, non fluida..........mi documento sulle vostre ricette e cerco di imparare.

Ciao a tutti/e.
Mammagaia
 
Messaggi: 19
Iscritto il: domenica 29 giugno, 2008 23:20

Messaggioda Lola » giovedì 16 aprile, 2009 16:03

Ma tu... minipimer no? :roll:

Ho capito... hai bisogno dell'innominabile :D

Come siamo a soda caustica, ne hai in casa?
Lola
Avatar utente
Lola
ReginaDegliSpignattatori
 
Messaggi: 890
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 10:06

Messaggioda Mammagaia » venerdì 17 aprile, 2009 08:25

Sì sì, minipimer sì, è solo che ho fatto un esperimento, ora vi racconto:

diciamo che mi ritengo una spignattatrice molto dilettante, per cui al momento cerco di utilizzare quello che ho in casa senza fare troppi acquisti............però non vorrei usare lo stesso minipimer che uso per la minestra della mia bimba anche per fare le creme (l'ho già usato per fare la mia prima crema e il sapone, e anche se lo ho lavato benissimo, mi è rimasta la paranoia, per cui).........al momento però, visto il mio livello di conoscenze e la quantità di spignatti non mi sembrava il caso di investire in un minipimer nuovo (anche perchè il nuovo lo userei per la cucina tradizionale, x cui ne prenderei uno decente).............fatta la premessa, prima di spignattare la mia seconda crema ho comprato in un negozio di casalinghi (a una cifra ridicola) uno di quei frullini che servono per fare la crema nel cappuccino.............ma quando l'ho infilato nella crema x emulsionare mi sono resa conto che x la quantità che stavo facendo era insufficiente per cui è stato automatico chiudere il barattolo e agitare :D

Ecco, fatto lo spiegone...........

La soda sì, ce l'ho, l'ho presa per fare il sapone :)
Mammagaia
 
Messaggi: 19
Iscritto il: domenica 29 giugno, 2008 23:20


Torna a l'angolo dello SPIGNATTAMENTO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti