Pagina 2 di 2

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: martedì 30 aprile, 2013 20:18
da filylory

Grazie sono molto interessanti!

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: venerdì 10 gennaio, 2014 12:31
da rosengarten
Ho letto un articolo (fonte) secondo il quale l'azienda tedesca Logocos - che comprende le marche Logona, Heliotrop, Sante, Fitne Health Care e NeoBio - ha deciso di non esportare più i suoi prodotti in Cina, per evitare che vengano testati su animali, come è obbligatorio per ogni prodotto cosmetico che viene immesso sul mercato cinese.
Tanto di cappello :clap: , è un'azienda che fattura 50 milioni di euro all'anno e questa decisione comporterà una perdita di una non meglio precisata cifra a due numeri in milioni di euro. Nell'articolo ci si chiede anche se altre aziende di cosmesi naturale seguiranno questo esempio, per ora Lavera e Kneipp hanno risposto negativamente.

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: venerdì 10 gennaio, 2014 18:01
da Saphira
Non capisco una cippa di tedesco quindi te lo chiedo direttamente rosen :mrgreen: inizieranno a non esportare più già da subito?

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: venerdì 10 gennaio, 2014 18:20
da rosengarten
Sì, sembra che abbiano già smesso, l'articolo dice "Weil Logocos sich von kommender Woche an vom chinesischen Markt komplett zurückzieht...", che significa che a partire dalla prossima settimana (l'articolo è del 30 novembre) Logocos si ritirerà completamente dal mercato cinese. :)

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: sabato 11 gennaio, 2014 12:00
da Saphira
Bene bene :mrgreen: :clap:

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: sabato 11 gennaio, 2014 17:44
da Giusy San
ooooh meno male una notizia buona!!! :clap:

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: mercoledì 16 luglio, 2014 17:15
da Lucia NdF
Barbara posso chiederti delle spiegazioni?
Allora, dall'11 Marzo 2013 nessun cosmetico può essere testato sugli animali. Né le materie prime nè, tantomeno, il prodotto finito.
Ora mi chiedo: che senso hanno le certificazioni cruelty free? Non sono uno specchietto per le allodole? Se acquisto un prodotto dall'inci pessimo ma con la certificazione LAV , questa, che senso ha (comunque è vietato dalla legge sperimentare sugli animali no?) Non è una presa in giro? Perchè c'è chi continua a fidarsi e cerca il bollino con il coniglietto?
Illuminami perchè con questa storia delle certificazioni non ne vengo più fuori.

Re: Normativa test cosmetici su animali

MessaggioInviato: mercoledì 16 luglio, 2014 18:04
da barbara
Si sa che io sono abbastanza sulla tua linea, a me pare un controsenso. Tuttavia, le associazioni animaliste eccetera, dicono che:
- chi esporta in Cina e in altri paesi dove i test sono obbligatori è da boicottare anche se i test non li fa direttamente
- le multinazionali continuano a testare quindi i loro prodotti sono in ogni caso da boicottare
Io lascio alla scelta individuale, personalmente però ritengo che sapere esattamente chi esporti cosa e dove, in epoca di globalizzazione, sia arduo. Le certificazioni dunque a questo dovrebbero servire. Di più, non so.
Continuo a pensare che allo stato attuale delle cose la vera problematica sia la sperimentazione su animali da parte delle multinazionali del farmaco, perché quella per i cosmetici è sempre più esigua (grazie al cielo) e numericamente infinitesimale a confronto.