di Barbara Righini
online dal 2005

Normativa test cosmetici su animali

Aiab-icea, ccpb, ecocert, soil association, ecolabel, icea-lav e tutte le altre.

Moderatori: Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina, Letizia, Vera

Normativa test cosmetici su animali

Messaggioda barbara » venerdì 29 ottobre, 2010 14:33

Qui un videocast in merito che ho caricato questa mattina; consiglio di leggere anche i commenti, perché comunque è un argomento che si presta ad essere discusso in quanto, purtroppo, la realtà attuale non è di sicuro la migliore possibile.

http://www.youtube.com/watch?v=py8Z1EDgQfI
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda barbara » lunedì 01 novembre, 2010 08:53

Ehm... nessun commento? nessuna domanda?
Com'è che mi arrivano in privato un giorno sì e uno no domande sui test cosmetici su animali e qui non commenta nessuno? :laugh:
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda valent1na » venerdì 18 febbraio, 2011 13:46

Ecco la trascrizione dell'audio (ho eliminato intercalari, ripetizioni e convenevoli e messo in grassetto i punti chiave, a mio avviso)

Ciao a tutte e ciao a tutti, questa è la terza volta che cerco di registrare questo videocast per spiegarvi la situazione legislativa in Europa per quanto riguarda i test cosmetici sugli animali.
Faccio questo video perché su alcune cose che io darei per scontate vedo che invece c'è ancora molta confusione, ci sono ancora molti dubbi. Un pochino sono alimentati dal fatto che online continuano a circolare vecchissime liste, vecchissime notizie che sono rimaste lì perchè nessuno ha mai pensato di editarle ma si riferiscono a situazioni precedenti a determinate normative.
Quindi adesso cerco di dirvi molto sinteticamente come sta la situazione per quanto riguarda i test cosmetici sugli animali, in Europa, naturalmente.
In Europa c'è una direttiva, la direttiva CEE 76/768 (che poi ha subito nel corso degli anni numerosi rimaneggiamenti, quindi interventi con successive direttive ) che è stata recepita in Italia con la legge 713/86. Anche questa è stata poi in parte integrata e modificata dai successivi regolamenti europei che sono usciti, però già nel 1986 la legge 713 prevedeva un graduale abbandono dei test su animali per fini cosmetici, tanto che la prima cosa che stabilì fu che non si potevano testare su animali i cosmetici finiti, quindi la cosa è valida a maggior ragione ancora oggi il prodotto finito non viene mai, mai, testato su animali.
Ci sono delle aziende che continuano a scrivere sulle loro confezioni “prodotto finito non testato su animali” e delle aziende che invece non ce lo scrivono, ma non è che un'azienda è buona e l'altra è cattiva, è che entrambe non testano il prodotto finito su animali in quanto la legge lo vieta. Per cui non è una scelta dell'azienda decidere se testare il prodotto finito su animali o non testarlo, se il prodotto è finito, una volta che è finito non deve essere testato. Punto. Quindi questa scritta che alcuni continuano a porre induce il dubbio che altri testino il prodotto finito, ma non è così per quanto riguarda l'unione europea, quindi, almeno su questo punto, si può stare tranquilli.
Che cosa è successo poi, successivamente? Ci sono stati appunto, diversi rimaneggiamenti di questa legge e uno degli ultimi, che è del 2003 se non vado errata, ha stabilito che entro una certa quantità di anni non solo il prodotto finito non deve più essere testato su animali, ma neanche le materie prime.
Da marzo del 2009 nemmeno le materie prime in Europa possono essere testate su animali, né si possono commercializzare dei prodotti le cui materie prime sono state testate su animali: quindi c'è il divieto di commercio e c'è il divieto di sperimentazione.
Qual è l'inghippo per cui in realtà i test cosmetici su animali non si sono ancora fermati del tutto, purtroppo? Il fatto che non sono ancora stati validati dei test alternativi per 3 specifici problemi, 3 specifici test. Chi li deve validare è l'ECVAM, il centro europeo per la convalida di metodi alternativi, che si occupa di ricevere le proposte di test in vitro alternativi, controllarle, provarle e rilasciare la loro validità o meno, decidere se possono sostituire degnamente nei loro risultati il test cosmetico sull'animale.
Ci sono 3 test che non hanno ancora ottenuto questa validazione: test di tossicità ripetuta, test di tossicità riproduttiva e test di tossicocinetica. Succede allora che la maggior parte di ingredienti cosmetici dal 2009 non è più testata e non sarà più testata, ma tutti gli ingredienti nuovi messi in commercio anche dopo tale data, per questi 3 tipi di test, probabilmente dovranno essere testati su animali. Quanto più c'è il sospetto che possano essere ingredienti pericolosi, tanto più bisognerà che questi tre test vengano effettuati. Sia chiaro che io dico “bisognerà che” non perchè sono convinta io che si debba, ma perchè così dice la legge, quindi vi sto riportando quello che è lo stato legislativo attuale sui test cosmetici per animali.
Un altro tipo di problema, che mi ha suggerito Fabrizio Zago, è che c'è in atto il REACH (European Community Regulation on chemicals and their safe use ): un progetto dell'unione europea che sta progressivamente ri-testando un sacco di materie prime; in realtà sembra proprio che i cosmetici esulino dal REACH, quindi non rientrano nelle sostanze che il REACH deve ri-testare.
Ma i detersivi, invece, vi rientrano. Succede che determinate molecole, come per esempio quelle dei tensioattivi, per il cosmetico non saranno ri-testate, ma per il detersivo sì. Quindi, in un certo senso, noi siamo sicuri che il nostro cosmetico non sia stato testato su animali: se non contiene materie prime inventate l'altro ieri, probabilmente non è testato su animali, e nell'ecobio la maggior parte dei prodotti è così. Se voi controllate gli ingredienti, nella cosmesi ecobio sono più o meno sempre gli stessi mescolati, ovviamente, in modo diverso e quindi è abbastanza difficile che ci siano ingredienti cosmetici testati molto di recente. Tra l'altro molti ingredienti che hanno anche un utilizzo alimentare, che derivano da sostanze vegetali innocue (pensiamo all'olio di mandorle o al burro di karitè) non hanno bisogno di essere testate su animali perchè non c'è il minimo indice di pericolosità. Però uno shampoo ecobio potrebbe contenere un tensioattivo che in questo momento sta sotto test con il REACH. Da quanto ho capito io, il REACH è un progetto che man mano che si evolve, man mano che escono i risultati, viene un attimo modificato e riadattato, quindi al momento non vi so dire di più. Sono personalmente contenta che i cosmetici vengano risparmiati da questo scempio, se vogliamo dire così, anche se non sono contrarissima ai principi per i quali è nato il REACH: prima del REACH ciascun laboratorio faceva i test sulle materie prime un po' come voleva e quindi stabiliva che una materia non era né pericolosa, né inquinante, o comunque lo era in una determinata soglia con dei metodi che non erano stati uniformati, adesso invece con il REACH si testano le materie prime con dei metodi standardizzati per cui si avranno dei risultati che i laboratori saranno obbligati a tenerne conto.
Mi dispiace ovviamente che dopo tutti questi anni (la 713 è dell'86 quindi di tempo ne è passato) non si siano ancora validati i test alternativi per questi tre ultimi tipi di test: credo sia un pressione delle lobby e delle multinazionali, perchè altrimenti non si spiega, e mi auguro che al più presto questa situazione possa cambiare.
Tra l'altro tutta la legge 713/86 (e tutte le modifiche successive. l'ultima che c'è stata è il regolamento CE 1223 del 2009) già dall'86 era improntata a una progressiva eliminazione dei test cosmetici su animali; quindi nella legge non è che c'era scritto che i test sono indispensabili ma c'era proprio quest'obbiettivo di eliminarli. Il problema è questo termine è stato fatto slittare avanti tante, tante volte per cui l'ultima data utile per avere validati questi tre tipi di test finalmente anche con l'alternativa in vitro, era stata il 2013. In realtà pochi giorni fa ho letto che pare la si sia spostata avanti al 2019 e questa è una cosa veramente triste.
Se siete particolarmente attente a questo problema e volete acquistare dei prodotti che non vengano testati su animali io vi consiglio di cercare tra le liste delle autocertificazioni come per esempio la lista VIVO e Vegan Ok, e di cercare anche prodotti che riportino la certificazione Icea per Lav: questa è una certificazione da enti certificatori esterni, qui di c'è qualcuno che effettivamente va a controllare, mentre Vegan Ok e Vivo sono autocertificazioni (quindi è l'azienda che dichiara di non testare e di non far testare le sostanze dei proprio prodotti).
Naturalmente sempre secondo il regolamento 1223 del 2009 (che è andato a integrare la legge 713/86) chi fa un cosmetico deve depositare presso il Ministero della salute un documento che contiene tutte le caratteristiche di quel cosmetico: gli ingredienti, da dove arrivano, come sono stati fatti, la composizione etc e anche il tipo di test su animali a cui sono sottoposti. Quindi se un produttore di cosmetici fa una dichiarazione, in cui sostiene di non testare né far testare, ha ovviamente depositato al Ministero della salute una documentazione relativa per cui è abbastanza (a mio parere) difficile che possa mentire spudoratamente e raccontarvi delle balle.
Detto questo, la strada è ancora lunga e io mi auguro veramente che si finisca presto questo “macello” anche perchè sono del parere che abbiamo una scienza abbastanza evoluta da trovare dei test in vitro senza dover sacrificare per forza altri animali che non c'entrano niente, e che fisiologicamente sono abbastanza diversi da noi (quindi non è detto che abbiamo le stesse reazioni).

Link alle liste dei prodotti eticamente "consentiti"
VEGAN OK: http://veganok.com/
VIVO: http://www.consumoconsapevole.org/cosme ... -free.html
ICEA: http://www.icea.info/Portals/0/ICEA_ele ... si_NEW.pdf

Ci sono errori?
Avatar utente
valent1na
 
Messaggi: 9104
Iscritto il: martedì 13 maggio, 2008 17:57
Località: Francia

Messaggioda barbara » venerdì 18 febbraio, 2011 14:09

Direi di no, che pazienza a sbobinare :D
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda valent1na » venerdì 18 febbraio, 2011 15:30

te l'ho detto che senza materiale visivo non capisco un tubo :oops:
spero che così sia più chiaro per tutte quelle che come me cercano di essere il più coerenti possibile. a breve aggiorno con le liste europee, per chi è all'estero è fondamentale visto che i prodotti italiai non si trovano nemmeno col cannocchiale!
Avatar utente
valent1na
 
Messaggi: 9104
Iscritto il: martedì 13 maggio, 2008 17:57
Località: Francia

Messaggioda Tuttisonopresi » venerdì 25 febbraio, 2011 15:35

E' tutto un casino. Faccio un esempio, è sono un esempio la Camorak (che a me piace) è presente nella lista dei cosmetici ICEA-LAV però sul sito scrie che "il prodotto finito non è testato sugli animali" e" prodotti di biocosmesi PuraVida® sono controllati e certificati da un ente italiano, l'Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica, e testati dall'Università di Ferrara. "

E' confusa la situazione :shock:

Poi ci sono alcune aziende presenti nella linea ICEA - LAV ma hanno degli ingredienti bruttini.

Non se ne esce, secondo me il sistema viene complicato appositamente per non farci capire un tubo.
Tuttisonopresi
 
Messaggi: 50
Iscritto il: lunedì 27 dicembre, 2010 11:52

Messaggioda valent1na » sabato 19 marzo, 2011 20:35

io prima guardo le liste, poi gli ingredienti. è difficile ma ci si riesce specie se si ordina a scoppio da aroma zone che è nella lista francese one voice :mrgreen:
se non erro anche acef, in italia, vende materie prime ed è nella lista icea..
Avatar utente
valent1na
 
Messaggi: 9104
Iscritto il: martedì 13 maggio, 2008 17:57
Località: Francia

Messaggioda Fte » venerdì 29 aprile, 2011 14:20

Avatar utente
Fte
 
Messaggi: 133
Iscritto il: venerdì 11 marzo, 2011 23:21
Località: BS

Messaggioda -miry- » venerdì 03 giugno, 2011 19:13

qui c'è un interessante scambio di opinioni in merito all'utilità di queste liste, al senso della cut off date e sul cruelty free in generale.
immagino non sia l'unico topic in cui fabrizio esprime il suo parere, però questo è abbastanza recente (la discussione in realtà inizia nel 2009, ma i post più importanti sono di quest'anno) e a mio parere offre molti spunti di riflessione.

http://forum.promiseland.it/viewtopic.p ... ee#p267586
Avatar utente
-miry-
 
Messaggi: 3643
Iscritto il: venerdì 10 aprile, 2009 19:29
Località: Giarre (CT)

Messaggioda wingofhecate » venerdì 01 luglio, 2011 19:17

Barbara, mi permetto di segnalare che, anche da una discussione avuta con Sauro Martella stesso e altri utenti di promiseland, in particolare dalla pagina 5 del link riportato da miry ( http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=33617&hilit=profumi+cruelty+free&start=60 ), l'autocertificazione VeganOk dal punto di vista della vivisezione non è in grado di certificare molto, rimanendo come contenuti a qualcosa di molto simile alla famigerata scritta "prodotto finito non testato su animali".
Infatti nel disciplinare troviamo un paragrafo realtivo ai test su animali che vale per tutti gli ambiti per cui l'autocertificazione è valida (cosmetica, ristorazione, alimentari, abbigliamento, editoria, arredo, etc.), in cui si dice solamente che:

Disciplinare VeganOk ha scritto:TEST SUGLI ANIMALI:
Pur consapevoli del fatto che l’attuale normativa europea in ambito chimico impone l’obbligo di sperimentazione animale su tutte le sostanze non vegetali da parte di chi le produce, nell’attesa e speranza che tale normativa venga modificata, per quanto riguarda il nostro operato e ciò su cui possiamo avere controllo e potere decisionale, garantiamo che per nessuna sostanza utilizzata per la realizzazione dei prodotti certificati VeganOK, sono stati da noi commissionati test o procedure che abbiano comportato lo sfruttamento diretto di animali e che nessuna procedura di test o controllo sul prodotto finito abbia comportato direttamente in nessuna fase lo sfruttamento di animali.

In poche parole non dice nulla su eventuali test commissionati da terzi (come possono essere i produttori di materie prime).

Durante la discussione, Martella ha sostenuto che esiste una parte del disciplinare specifico per i cosmetici in cui si ribadisce che è vietato effettuare sperimentazione animale sul prodotto finito... ma questa parte nei disciplinare che si trovano online non c'è. Alla mia richiesta di indicare le parti in questione, Martella non ha ancora risposto.

Non è mia intenzione alimentare polemiche ma sono dell'idea che sia importante che queste informazioni siano a disposizione di tutti per poi permettere un consumo davvero consapevole.
Avatar utente
wingofhecate
 
Messaggi: 170
Iscritto il: giovedì 22 maggio, 2008 12:13
Località: Avalon

Messaggioda valent1na » domenica 20 novembre, 2011 17:04

hanno aggiornato la certificazione francese One Voice
Po' Comunque Perché Lì Là Qui Qua Sì Fa
Avatar utente
valent1na
 
Messaggi: 9104
Iscritto il: martedì 13 maggio, 2008 17:57
Località: Francia

Re: Normativa test cosmetici su animali

Messaggioda valent1na » sabato 09 marzo, 2013 18:34

Po' Comunque Perché Lì Là Qui Qua Sì Fa
Avatar utente
valent1na
 
Messaggi: 9104
Iscritto il: martedì 13 maggio, 2008 17:57
Località: Francia

Re: Normativa test cosmetici su animali

Messaggioda annalaura » sabato 09 marzo, 2013 18:41

Ho sentito oggi la notizia per radio! Che sia la volta buona!!
Avatar utente
annalaura
 
Messaggi: 2981
Iscritto il: giovedì 20 gennaio, 2011 20:43
Località: Roma

Re: Normativa test cosmetici su animali

Messaggioda filylory » martedì 30 aprile, 2013 00:04

Ciao ragazze,
riguardo a questo argomento volevo segnalarvi cosa dice la LAV e il sito agireora.org. visto che con la nuova normativa sembrava che "tutti i prodotti" non vengano piu' testati e invece non e' propriamente cosi'. Mi scuso in anticipo se ho sbagliato la sezione o sto dicendo cose che gia' sapete, ma sono nuova, abbiate pieta'!

Dal sito della LAV http://www.lav.it/index.php?id=718

E'comunque preferibile continuare ad acquistare prodotti di aziende aderenti allo standard internazionale “stop ai test su animali” perché:

• Le aziende non potranno testare su animali gli ingredienti in tutto il territorio comunitario, ma potranno farlo all’estero vendendo tali prodotti in Paesi extraUE (ad es. la Cina).
• Alcune materie non vengono realizzate unicamente per l’ambito cosmetico ma possono sovrapporsi a quello chimico e quello farmaceutico.
• Le marche che hanno aderito prima del 2009 hanno dimostrato il loro forte interesse verso la causa animalista e una politica aziendale etica facendo scelte difficili in un contesto legislativo completamente differente da quello attuale.

Da agireora.org http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=1360
Conclusione

Come indicato nell'introduzione, l'entrata in vigore di questo divieto segna un grande passo avanti che salverà animali nel campo della cosmesi e, di conseguenza, anche in molti altri settori e in molte altre parti del mondo, dando anche un grosso supporto alla battaglia portata avanti fuori Europa (per ottenere gli stessi risultati) e nel campo degli altri tipi di test di tossicità.

Come consumatori, però, se vogliamo coi nostri acquisti evitare di sostenere in qualsiasi modo aziende che ancora useranno ingredienti testati dopo il marzo 2013, per i motivi indicati sopra non possiamo far altro che continuare a rivolgerci solo alle aziende che aderiscono allo Standard cruelty-free.

Queste sono, per l'Italia, quelle elencate sul sito di VIVO:
Le ditte "cruelty-free": quali sono e dove trovare i loro prodotti

E per l'estero quelle del database della BUAV:
www.GoCrueltyFree.org
filylory
 
Messaggi: 14
Iscritto il: martedì 16 aprile, 2013 19:39

Re: Normativa test cosmetici su animali

Messaggioda barbara » martedì 30 aprile, 2013 08:13

Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Prossimo

Torna a Certificazioni e Normativa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite