di Barbara Righini
online dal 2005

cambiamenti con cosmos

Aiab-icea, ccpb, ecocert, soil association, ecolabel, icea-lav e tutte le altre.

Moderatori: Van3ssa, Serese, plesea, Tomatina, Letizia, Vera

cambiamenti con cosmos

Messaggioda barbara » giovedì 01 aprile, 2010 16:13

A quanto pare Cosmos vieterà i profumi sintetici (solo o.e. ammessi) e gli esterquat.

Cosa ne pensate?

Dicevatelo, su saicosatispalmichannel... :roll:
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda pixel » giovedì 01 aprile, 2010 16:26

:shock:

Che danno provocano gli esterquat? ambientale, immagino... insomma, tipo i vari -trimonium?
"I'm worse at what I do best, and for this gift I feel blessed". (K.D.C., 1967-1994)

My blog: http://pixel3v.wordpress.com/
Avatar utente
pixel
 
Messaggi: 3340
Iscritto il: sabato 10 maggio, 2008 00:08
Località: Prato

Messaggioda barbara » giovedì 01 aprile, 2010 16:53

mi pare più una presa di posizione contro il chimico di per sè francamente.
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda pixel » giovedì 01 aprile, 2010 17:21

:|
"I'm worse at what I do best, and for this gift I feel blessed". (K.D.C., 1967-1994)

My blog: http://pixel3v.wordpress.com/
Avatar utente
pixel
 
Messaggi: 3340
Iscritto il: sabato 10 maggio, 2008 00:08
Località: Prato

Messaggioda barbara » venerdì 02 aprile, 2010 08:59

Sono del parere che la cosmesi debba evolversi anche tecnologicamente e che mettere certi paletti sia controproducente e contribuisca a far restare la cosmesi ecobio appannaggio solo di un piccolissimo target di persone dalla sensibilità eco più alta della media.
Inoltre da un certo punto di vista ci sono limitazioni che sfiorano l'ottusità: sì all'o.e. perchè carino lui tutto vegetale, no alle fragranze sintetiche, però gli o.e. contengono allergizzanti e non possono essere usati da tutti - senza contare che hanno ANCHE un impatto ambientale, mentre determinate fragranze sintetiche possono essere allergene-free e formulate in modo da impattare meno.
Se non è miopia questa.
Oppure c'è sotto altro... chissà cosa, eh :twisted:
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda murex » venerdì 02 aprile, 2010 10:53

sinceramente non capisco perchè escludere gli esterquat...

Immagine

quest'immagine (che ho usato anche nella mia tesi) è presa da un articolo estratto dalla rivista Kosmetica 2007, ed esprime il valore di impatto ambientale (indicato come volume critico di diluizione) dei singoli ingredienti.
Sono dati forniti alla rivista da Fabrizio Zago.

I nomi nn si leggono bene..comunque il tensioattivo a sinistra è il alkyl trimethyl ammonium salt , mentre a destra c'è il Alkyl ester ammonium salt (un esterquat).

La didascalia della figura dice: "Molta importanza hanno, soprattutto nei balsami per capelli,i tensioattivi cationici.
Il grafico si commenta da solo: gli esterquat hanno un peso praticamente
nullo mentre i quaternari “veri” pesano moltissimo rendendone l’impiego
praticamente impossibile ai fini del marchio Ecolabel
."

Ora...o questi dati nel giro di 2 anni si sono ribaltati completamente....oppure trovo la decisione di Cosmos davvero strana... :roll:
Avatar utente
murex
SguardoArtistico
 
Messaggi: 2523
Iscritto il: venerdì 20 luglio, 2007 11:21
Località: Lucca

Messaggioda pixel » venerdì 02 aprile, 2010 10:57

Concordo con Barbara... Sembra quasi che si voglia davvero ridurre la cosmesi eco-bio quasi solo ai rimedi "della nonna" :?
Murex, il tuo grafico è davvero illuminante ;)
"I'm worse at what I do best, and for this gift I feel blessed". (K.D.C., 1967-1994)

My blog: http://pixel3v.wordpress.com/
Avatar utente
pixel
 
Messaggi: 3340
Iscritto il: sabato 10 maggio, 2008 00:08
Località: Prato

Messaggioda Vera » venerdì 02 aprile, 2010 15:24

Mmm. Barbara, concordo con te. :roll:
-----------
Il mio blog
Avatar utente
Vera
VeganCheCorreCoiLupi
 
Messaggi: 10154
Iscritto il: giovedì 19 luglio, 2007 11:32
Località: Roma

Messaggioda jordan » venerdì 02 aprile, 2010 16:13

Quindi non c'è una ragione motivata? Vietare l'estarquat significa mandare molte di noi in giro con i capelli come stoppa...voglio vedere quante persone riusciremmo ad allontanare piuttosto che avvicinare all'ecobio in quelle condizioni.
L'essentiel est invisible pour les yeux
Avatar utente
jordan
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: domenica 13 settembre, 2009 20:52
Località: Calabrifornia

Messaggioda barbara » venerdì 02 aprile, 2010 17:30

Io ve lo dico ora in tempi non sospetti: continuerò a consultarmi con Fabrizio, certificazione o non certificazione. Per me l'esterquat serve e continuerò a tenere balsami che lo contengono, punto.
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda -miry- » venerdì 02 aprile, 2010 18:32

posto che certamente ha un impatto ambientale nettamente inferiore rispetto ai quaternari, quello che non ho capito bene è: inquina davvero o le motivazioni sono altre?
Avatar utente
-miry-
 
Messaggi: 3643
Iscritto il: venerdì 10 aprile, 2009 19:29
Località: Giarre (CT)

Messaggioda barbara » venerdì 02 aprile, 2010 18:34

Le motivazioni non c'entrano con l'inquinamento perchè se fosse così allora dovrebbero bandire tantissimi ingredienti.
Secondo me c'entra con il fatto di raggiungere una certa percentuale di vegetale, di biologico e quindi in ultima sintesi col fatto di essere ingrediente chimico.
Tutto per un'unica meraviglia.
Avatar utente
barbara
AmministratriceSuprema
 
Messaggi: 21674
Iscritto il: martedì 17 luglio, 2007 22:07
Località: Pescara

Messaggioda sekhmet » sabato 03 aprile, 2010 12:49

E' un gran peccato perché sembra più una "caccia alle streghe" piuttosto che un voler migliorare la qualità dei prodotti; gli ingredienti chimici sono utili proprio perché possono abbinare, nei limiti, le potenzialità di una sostanza naturale con accorgimenti che permettono una maggior conservabilità e tolleranza.. Non sempre è indice di cattiva qualità.
In questo modo fanno apparire anche chi è alla ricerca dei prodotti ecobiologici come un estremista..
Avatar utente
sekhmet
 
Messaggi: 506
Iscritto il: sabato 05 aprile, 2008 13:32
Località: Pistoia

Messaggioda -miry- » sabato 03 aprile, 2010 15:43

ora ho capito meglio, grazie barbara :)
quanta confusione mi creano certe politiche delle certificazioni.
e quanto sono felice, sempre di più, di aver trovato questo sito che mi ha davvero aperto gli occhi.
Avatar utente
-miry-
 
Messaggi: 3643
Iscritto il: venerdì 10 aprile, 2009 19:29
Località: Giarre (CT)


Torna a Certificazioni e Normativa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite